Il film di Pippo Mezzapesca,il paese delle spose infelici

Al festival di roma

0
191

il-paese-delle-spose-infelici-poster-italia_mid

Il film di Pippo Mezzapesa il paese delle spose infelici è il secondo film italiano in concorso al Festival di Roma e anche in questo caso ,il parterre degli ospiti in conferenza stampa è al completo. Ad accompagnare Mezzapesa, gli interpreti Nicolas Orzella e Luca Schipani, alla loro prima esperienza di attori, e l’affascinante Aylin Prandi, qui sposa infelice.Seguono gli sceneggiatori Antonio Leotti e Antonella Gaeta.A chiudere le fila, il produttore del film,Domenico Procacci, Rai Cinema e Silvio Maselli dell’Apulia Film Commission, a testimoniare il ruolo importante che la Regione Puglia ha avuto nel film.

Ecco alcune parti dell’intervista:

Da dove nasce l’idea della storia viene chiesto a Mezzapesa?Dal romanzo di Mario Desiati. Quando l’ho letto, quello che più mi ha colpito è il rapporto di amicizia che si instaura tra Veleno e Zazà, due ragazzi molto diversi che però si trovano entrambi a vivere un momento di rara crudezza qual è l’adolescenza. C’è poi Annalisa, una donna più grande di loro, che vive un malessere simile a quello dei due ragazzi anche se per altra causa, la perdita inaspettata e improvvisa del compagno. Infine c’è il quarto protagonista della storia, il territorio, ferito nella sua bellezza sia geograficamente – penso alle gravine – che industrialmente.: Sì, è vero. Specie nel campo di calcio che è il luogo ideale dove far nascere un’amicizia perché lì vengono meno i ruoli sociali per sporcarsi di fango, cioè di vita e di realtà ed è proprio quello che vuole fare Veleno, che vede in Zazà il personaggio che vuole emulare.

Views All Time
Views All Time
188
Views Today
Views Today
1

Commenta l

COMMENTA